03 Mag

Al via la terza edizione del concorso “Capitale Europea del Turismo Intelligente”

Al via la terza edizione del concorso “Capitale Europea del Turismo Intelligente”

L’edizione 2022 premierà due città europee in grado di proporre e attuare pratiche eccezionali, innovative e sostenibili in ambito turistico.

 

Il settore del turismo svolge un ruolo cruciale nel generare crescita e occupazione nell’UE, e la CE intende sfruttare il potenziale inutilizzato nell’area del turismo intelligente. Promuovere l’innovazione, l’accessibilità e la sostenibilità è un passo cruciale per mantenere il turismo europeo all’avanguardia a fronte della crisi causata  dalla pandemia di COVID-19.

 

L’European Capital of Smart Tourism 2022 è un’iniziativa finanziata nell’ambito del programma UE COSME e mira a rafforzare lo sviluppo innovativo generato dal turismo nelle città europee, aumentando la loro attrattività e rafforzando la crescita economica e la creazione di posti di lavoro. Inoltre, il concorso mira a stabilire un quadro per lo scambio di buone pratiche tra le città che partecipano al concorso, creando opportunità di cooperazione e nuovi partenariati.

 

Il concorso è aperto alle città di tutta l’UE e dei paesi non UE partecipanti al programma, chiamate a dimostrare le loro pratiche turistiche innovative in quattro aree:

  • accessibilità
  • sostenibilità
  • digitalizzazione
  • patrimonio culturale e creatività.

 

Le candidature verranno inizialmente valutate da un gruppo di esperti indipendenti. Nella seconda fase, alle 7 città selezionate verrà chiesto di presentare la propria candidatura davanti alla giuria europea. A novembre 2021, la giuria annuncerà le due capitali europee del turismo intelligente 2022.

Le vincitrici dell’edizione 2020 sono state Goteborg e Malaga, mentre Helsinki e Lione hanno vinto il concorso inaugurale e hanno detenuto congiuntamente i titoli di Capitali europee del turismo intelligente 2019.

La scadenza per presentare le candidature è il 16 giugno 2021.

 

Per maggiori informazioni: sito della Commissione Europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *