25 Feb

Osservatorio Italiano sulle Partecipate Pubbliche: Il rapporto tra le performance delle partecipate pubbliche e i divari territoriali italiani

Osservatorio Italiano sulle Partecipate Pubbliche: Il rapporto tra le performance delle partecipate pubbliche e i divari territoriali italiani

Il quotidiano Milano Finanza dedica un articolo all’evoluzione del mondo delle società partecipate dalla PA fotografato dal report annuale dell’Istat “Le partecipate pubbliche in Italia” con un commento di Ivo Allegro e Melina Nappi membri del comitato tecnico-scientifico dell’Osservatorio Italiano sulle Partecipate Pubbliche partner di Iniziativa “Le società Partecipate dalla Pubblica Amministrazione hanno un impatto significativo sulla competitività territoriale e sulla qualità della vita delle persone operando in settori cruciali e che pertanto oltre alla numerosità e alla performance occorre valutare l’impatto sulla collettività”.

Si conferma così che le ricerche in profondità e sui determinanti delle performance delle Partecipate Pubbliche rappresenta un campo di grande interesse per assicurare una crescita di queste aziende e anche un adeguato ritorno per la collettività.

Clicca qui per leggere l’articolo su Milano Finanza

16 Feb

Kick-off meeting a Napoli del progetto europeo BRIDGESMEs sull’Industria 5.0 con Iniziativa al timone

Kick-off meeting a Napoli del progetto europeo BRIDGESMEs sull’Industria 5.0 con Iniziativa al timone

Durante il periodo dal 5 al 7 febbraio, Napoli è stata la cornice del kick-off meeting del progetto europeo BRIDGESMEs, un’iniziativa supportata dalla Commissione Europea volta a definire dei nuovi approcci e modelli per supportare la transizione verso il nuovo paradigma dell’Industria 5.0. Iniziativa, con il ruolo di coordinatore, è al centro di questa importante missione.
BRIDGESMEs è il primo progetto coordinato da Iniziativa, ma non è il primo che la vede coinvolta col paradigma sempre più centrale dell’Industria 5.0: Iniziativa è, infatti, uno dei membri della Community of Practice Industry 5.0 (CoP 5.0) ed è anche uno dei partner del progetto europeo SURE 5.0. Questo dimostra il nostro costante impegno nel promuovere e sviluppare questo nuovo paradigma industriale, con la messa a punto modelli di intervento adatti alle esigenze reali delle imprese e mettendoli in pratica sul campo.
Con un finanziamento di 2,5 milioni di euro per un periodo di 36 mesi, il progetto BRIDGESMEs si propone di assistere le PMI europee nel ripensare i loro modelli di business e l’operatività, orientandoli verso la resilienza, la sostenibilità e l’attenzione alle persone. Il nostro obiettivo finale è consolidare queste imprese e garantire loro un vantaggio competitivo sostenibile nel lungo termine, anche di fronte ai rapidi cambiamenti del mercato.
I partner di questo ambizioso progetto includono istituzioni e organizzazioni provenienti da diversi paesi europei, unendo le loro competenze per raggiungere gli obiettivi comuni.

Per maggiori dettagli sul progetto clicca qui.

11 Feb

La performance delle società partecipate dalla Provincia autonoma di Bolzano: dai dati dei Conti Pubblici Territoriali agli indicatori di sostenibilità

La performance delle società partecipate dalla Provincia autonoma di Bolzano: dai dati dei Conti Pubblici Territoriali agli indicatori di sostenibilità

Lo scorso 31 gennaio 2024, nella prestigiosa cornice della Fiera di Bolzano durante il Klimahouse, la principale fiera dell’edilizia sostenibile, si è tenuto il convegno organizzato dal Nucleo dei Conti Pubblici Territoriali della Provincia Autonoma di Bolzano – Autonome Provinz Bozen in collaborazione con l’Osservatorio italiano sulle partecipate pubbliche, dal titolo “La performance delle società partecipate dalla Provincia Autonoma di Bolzano: dai dati dei conti pubblici territoriali agli indicatori di sostenibilità”.
Riccardo Mercurio Melina Nappi e Ivo Allegro in qualità di membri del comitato tecnico scientifico dell’Osservatorio, con il supporto di Aldo de Crescenzo e Francesca De Santis hanno avuto il grande piacere di fornire una panoramica approfondita sui dati economico-finanziari e sugli assetti organizzativi e di compliance sostenibile delle società partecipate dalla Provincia Autonoma di Bolzano, relativi al periodo 2015-2022.

La discussione, oltre ad esplorare le future tendenze e le sfide che caratterizzeranno il mondo delle partecipate pubbliche, oltre ad una view sulle performance economico-finanziare delle partcipate, ha allargato il campo verso un’analisi più ampia, concentrata sull’importanza di integrare la sostenibilità ESG nelle politiche di gestione.
La sfida per le Partecipate, che molto spesso svolgono importanti funzioni di carattere sociale e di sviluppo della competitività del contesto territoriale in cui agiscono, non si misura solo in termini economico finanziari ma sempre più in termini di impact.
All’evento hanno participato i vertici della Provincia Autonoma di Bolzano con l’apertura dei lavori da parte di Arno Kompatscher e gli interventi del Direttore Generale, Alexander Steiner, e del Segretario generale , Eros Magnago. I lavori sono stati coordinati dal Direttore dell’Ufficio di Vigilanza finanziaria e componente del Nucleo dei Conti Pubblici Territoriali, Claudio Calè.

L’evento ha visto anche la partecipazione di illustri relatori quali il professor Mirco Tonin , dell’Università di Bolzano e dal Dottor Armin Hilpold, che con i loro interventi hanno contribuito al successo dell’evento con le loro preziose intuizioni e gli approcci innovativi illustrati.
Ringraziamo tutti i partecipanti, relatori e organizzatori per il loro impegno e per aver reso questo evento un successo. Siamo fiduciosi che gli spunti emersi oggi guideranno le future strategie e azioni, consolidando il percorso verso una gestione sempre più consapevole e orientata alla sostenibilità e alla misurazione degli impatti.

Download: Programma del convegno-CPT

29 Gen

SAVE THE DATE! BRIDGESMEs kick-off meeting

SAVE THE DATE! BRIDGESMEs kick-off meeting

Iniziativa ha il piacere di invitarla lunedì 5 febbraio a partire dalle ore 9:00, nella prestigiosa sede dell’ACEN - Piazza dei Martiri 58, Napoli, all’evento di kick-off del progetto supportato dalla European Commission BRIDGESMEs project – “Boosting Resilience in five Industrial ecosystems through adoption and Deployment Of advanced technoloGiEs among SMEs” che mira a mettere a punto i nuovi standard europei sul paradigma 5.0 nelle filiere mobilità, trasporti e automotive; aerospazio e difesa; elettronica; industrie culturali e creative; e turismo.

L’evento sarà l’occasione per una riflessione approfondita sul tema del 5.0 e sul BRIDGESMEs project che ha l’obiettivo di assistere le PMi europee nel ripensare i loro modelli di business e l’operatività per diventare più resilienti, sostenibili e incentrate sull’uomo, mettendo operativamente a punto e sul campo standard d’intervento in linea con questo nuovo paradigma europeo che caratterizzerà il sistema economico nei prossimi anni e su cui l’Italia sta per lanciare un grande programma di supporto per agevolare la «transizione 5.0» del sistema produttivo con investimenti per oltre 12 miliardi di euro.

L’evento si aprirà con i saluti dell’Ing. Angelo Lancellotti, Presidente dell’ACEN e con gli interventi del Prof. Ivo Allegro, dell’Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza e CEO di Iniziativa, del Prof. Giorgio Ventre dell'Università di Napoli Federico II e Direttore Scientifico Apple Developer Academy, del Prof. Fabio De Felice dell’Università di Napoli “Parthenope” e Fondatore di Protom Spa, della Dott.ssa Costanza Miliani - Direttrice del CNR ISPC, del Prof. Antonio Pescape', dell'Università di Napoli Federico II e Direttore Scientifico della DIGITA Academy. Interverranno, inoltre, la Dott.ssa Aliona Lupu - partner di Iniziativa, l’Ing. Pasquale Donadio – Responsabile delle Telecomunicazioni in Comesvil S.p.A., il Prof. Flavio Farroni dell'Università di Napoli Federico II e CEO & co-founder di MegaRide S.r.l., il Dott. Fabrizio Monticelli, Presidente di Fabbrica Italiana dell’Innovazione e Amministratore di Monticelli La Scala Consulting.
Chiuderanno i lavori il l Dott. Gianmarco Giorda, Managing Director ANFIA, e la Dott.ssa Raffaella Farina, Direttore Generale per lo Sviluppo Economico e le attività produttive Regione Campania.
Modera i lavori il Dott. Roberto Race, giornalista e consulente in comunicazione e public affairs.

Per la partecipazione all’evento occorre registrarsi al seguente link.

Per saperne di più sull'evento, clicca sul seguente link

29 Gen

IDROGENO PULITO: OLTRE €110 MILIONI DI FINANZIAMENTI COMUNITARI

IDROGENO PULITO: OLTRE €110 MILIONI DI FINANZIAMENTI COMUNITARI

È stato aperto l’invito a presentare proposte per il 2024 della Clean Hydrogen Partnership, al fine di supportare la creazione di tecnologie all’avanguardia per l’idrogeno pulito.

Il bando comprende 20 topic, che finanziano 8 azioni di innovazione (IA), 11 azioni di ricerca e innovazione (RIA) e 1 azione di coordinamento e sostegno (CSA).

Il budget complessivo è di €113,5 milioni e, in particolare, saranno finanziati:

  • 25 milioni € nell’ambito della produzione di idrogeno rinnovabile;
  • 27 milioni € per lo stoccaggio e distribuzione di idrogeno;
  • 19 milioni € per i trasporti;
  • 9 milioni € nel settore dell’Heat and Power;
  • 4,5 milioni € per progetti trasversali;
  • 29 milioni € per le valli dell’idrogeno.

Scadenza: 17 aprile 2024

Per maggiori informazioni: info@iniziativa.cc

Fonte immagine: Clean Hydrogen Partnership

29 Gen

CYBERSECURITY E INTELLIGENZA ARTIFICIALE: FINANZIAMENTI CON DIGITAL EUROPE

CYBERSECURITY E INTELLIGENZA ARTIFICIALE: FINANZIAMENTI CON DIGITAL EUROPE

La Commissione europea ha pubblicato una serie di nuovi bandi nell’ambito di Digital Europe, per una dotazione totale di €84 milioni.

Le call finanziano attività a sostegno dei centri operativi di sicurezza con nuove applicazioni di intelligenza artificiale e altre tecnologie abilitanti, per l’attuazione della legislazione dell’UE sulla cybersicurezza (Cyber ​​Resilience Act) e per la transizione europea post-quantistica.

Gli argomenti includono:

  • Novel applications of AI and other enabling technologies for security operation centres (DIGITAL-ECCC-2024-DEPLOY-CYBER-06-ENABLINGTECH) – €30 milioni
  • Deployment of Post Quantum Cryptography in systems in industrial sectors (DIGITAL-ECCC-2024-DEPLOY-CYBER-06-PQCINDUSTRY) – €22,250 milioni
  • Tools for compliance with CRA requirements and obligations (DIGITAL-ECCC-2024-DEPLOY-CYBER-06-COMPLIANCECRA) – €8 milioni
  • Standardisation and awareness of the European transition to post-quantum cryptography (DIGITAL-ECCC-2024-DEPLOY-CYBER-06-STANDARDPQC) – €1 milione
  • Strengthen Cybersecurity capacities of European SMEs in line with CRA requirements and obligations (DIGITAL-ECCC-2024-DEPLOY-CYBER-06-STRENGTHENCRA) – €22 milioni
  • Roadmap for the transition of European public administrations to a post-quantum cryptography era (DIGITAL-ECCC-2024-DEPLOY-CYBER-06-TRANSITIONEUPQC) – €750k

Possono partecipare persone giuridiche (enti pubblici o privati), imprese, PMI e pubbliche amministrazioni stabiliti in uno degli Stati membri dell’UE (compresi i Paesi e territori d’oltremare (PTOM)), dei paesi EFTA/SEE e dei paesi associati al programma Digital Europe.

Scadenza: 26/03/2024

Per maggiori informazioni: info@iniziativa.cc

Fonte immagine: EU Digital & Tech

29 Gen

DIFESA: FINANZIAMENTI PER PMI SU DUAL-USE TECHNOLOGIES

DIFESA: FINANZIAMENTI PER PMI SU DUAL-USE TECHNOLOGIES

La Commissione europea e il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) hanno unito le forze per intensificare il loro sostegno alla difesa e alla sicurezza dell’UE attraverso il lancio dello strumento di capitale proprio nel settore della difesa.

L’iniziativa, che comprende €100 milioni dal Fondo europeo per la difesa e altri €75 milioni dal Fondo europeo per gli investimenti, amplierà notevolmente la capacità di investimento del FEI per sostenere, nei prossimi quattro anni, fondi di private equity e fondi di capitale di rischio con strategie riguardanti le tecnologie pertinenti per la difesa.

Questa iniziativa da €175 milioni dovrebbe attrarre ulteriori investimenti privati nei fondi che sostiene, mobilitando così, in totale, circa €500 milioni a sostegno delle imprese europee.

Lo strumento di capitale proprio nel settore della difesa mira a stimolare lo sviluppo di un ecosistema di fondi privati che investono nell’innovazione nel settore della difesa. L’iniziativa si concentrerà sulle tecnologie con potenziale a duplice uso che comprendono applicazioni sia civili che di difesa, per sostenere ulteriormente la sicurezza dell’UE, in linea con gli obiettivi di InvestEU.

Questa nuova opportunità di finanziamento sarà accompagnata da attività di sviluppo delle capacità per sostenere i gestori nello sviluppo e nella gestione dei loro fondi.

Questa iniziativa rafforza la cooperazione tra la Commissione e il FEI a sostegno dell’ecosistema aerospaziale e della difesa, avviata con il lancio del CASSINI Fund nel gennaio 2022 per rafforzare gli investimenti nelle imprese spaziali.

È attualmente aperta una call per gestori di fondi che cercano sostegno dallo strumento.

Per maggiori informazioni: info@iniziativa.cc

Fonte immagine: EUDIS

19 Gen

RETI E SERVIZI INTELLIGENTI: 11 BANDI APERTI DAL PARTENARIATO EUROPEO SNS

RETI E SERVIZI INTELLIGENTI: 11 BANDI APERTI DAL PARTENARIATO EUROPEO SNS

L’impresa comune per le reti e i servizi intelligenti (SNS JU) ha lanciato, sul portale Funding & Tenders, il suo terzo invito a presentare proposte per il 2024.

L’obiettivo è quello di far progredire la ricerca 6G in Europa e sviluppare capacità infrastrutturali di prova e pilota.

La call contiene complessivamente 11 topics (di cui 9 RIA, 1 IA e 1 CSA):

Research and Innovation Actions (RIA)

  • System Architecture – Standardisation and Follow-up/PoCs (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-B-01-01)
  • Wireless Communication Technologies and Signal Processing – Standardisation and Follow-up/PoCs (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-B-01-02)
  • Communication Infrastructure Technologies and Devices – Standardisation and Follow-up/PoCs (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-B-01-03)
  • Reliable Services and Smart Security–Standardisation and Follow-up/PoCs (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-B-01-04)
  • International Collaboration – EU-JP (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-B-01-05)
  • International Collaboration – EU-ROK (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-B-01-06)
  • Sustainability Lighthouse (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-B-01-07)
  • Reliable AI for 6G Communications Systems and Services (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-B-01-08)
  • SNS Microelectronics Lighthouse (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-C-01-01)

Coordination and Support Actions (CSA)

  • SNS Operations and Output optimisation (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-CSA-01)

Innovation Actions (IA)

  • SNS Large Scale Trials and Pilots (LST&Ps) with Verticals (HORIZON-JU-SNS-2024-STREAM-D-01-01)

Scadenza: 18/04/2024

Per maggiori informazioni: info@iniziativa.cc

Fonte immagine: SNS JU

19 Gen

IL PARTENARIATO UE PER LA METROLOGIA LANCIA BANDI DI RICERCA

IL PARTENARIATO UE PER LA METROLOGIA LANCIA BANDI DI RICERCA

È aperto il bando della European Partnership on Metrology.

La prima fase della call prevedere la possibilità di candidare (anche in collaborazione con gli istituti nazionali di metrologia) topic potenziali di ricerca in linea con uno dei 4 temi della call, ossia:

  • Metrologia per il Green Deal
  • Metrologia per la trasformazione digitale
  • Metrologia per la ricerca pre- e co- normativa
  • Metrologia per il potenziale di ricerca

Nella seconda fase i consorzi potranno candidare proposte per progetti congiunti di ricerca sui topic di ricerca selezionati tra quelli proposti nella prima fase, oltre a ricevere supporto tramite una call dedicata per azioni di coordinamento e supporto (CSA) single-stage.

Possono partecipare al bando gli istituti di metrologia e gli enti della Partnership in qualità di beneficiari interni, mentre gli enti legali dei Paesi membri UE, degli Stati a medio-basso reddito e parte di Horizon Europe sono eleggibili come beneficiari esterni. I consorzi partecipanti ai progetti congiunti di ricerca devono comprendere almeno 3 beneficiari interni, mentre per la CSA un solo beneficiario interno di coordinamento è sufficiente.

Il budget complessivo del bando è pari a € 41.000.000 per progetti di durata di 36 mesi e contributi esterni di percentuale variabile. I fondi sono così ripartiti:

  • Metrologia per il Green Deal: € 30.000.000, per un massimo contributo di € 3.500.000 per progetto
  • Metrologia per la trasformazione digitale: €11.500.000, per € 2.400.000 massimi per progetto
  • Metrologia per la ricerca pre- e co- normativa: € 5.000.000, per un tetto di € 1.300.000 per iniziativa finanziata
  • Metrologia per il potenziale di ricerca: € 3.000.000, con un massimo di € 900.000 per progetto
  • Azione di coordinamento e supporto: € 1.500.000, con un tetto di € 1.500.000 per ciascuna iniziativa selezionata

Scadenze: 19/02/24 (Fase 1); 30/09/24 (Fase 2)

Per maggiori informazioni: info@iniziativa.cc

Fonte immagine: WELMEC

19 Gen

APPLICAZIONI COMMERCIALI DELLA ROBOTICA SPAZIALE: NUOVO BANDO ESA

APPLICAZIONI COMMERCIALI DELLA ROBOTICA SPAZIALE: NUOVO BANDO ESA

ESA Space Solution ha pubblicato un nuovo bando per presentare proposte per Studi di Fattibilità e Progetti Dimostrativi per lo sviluppo di soluzioni aziendali che creino servizi attraverso la combinazione di tecnologie spaziali e robotiche.

Il bando fa parte del programma Business Applications and Space Solutions (BASS) di ESA Space Solutions, nata dal programma ARTES (Ricerca Avanzata nei Sistemi di Telecomunicazione) 4.0 dell’ESA, con lo scopo di aiutare le aziende a sfruttare la tecnologia spaziale per creare nuovi servizi commerciali, aggiungere valore e migliorare la vita sulla Terra.

Il bando individua 6 aree di intervento:

  1. Smart Cities e Infrastrutture
  2. Energia e servizi pubblici Trasporti
  3. Trasporti e logistica 
  4. Salute e sicurezza 
  5. Marittimo 
  6. Agricoltura 

Le proposte devono intervenire nei settori indicati elaborando soluzioni che comportino l’applicazione della robotica (ad es. robot fisici autonomi e semiautonomi –Droni – Macchine – Veicoli), assistita dalla tecnologia spaziale e satellitare (comunicazioni satellitari, osservazione della Terra, navigazione satellitare, volo spaziale umano).

Lo scopo del bando è quello di promuovere idee imprenditoriali che propongano:

  • Opportunità di mercato interessanti, identificazione delle esigenze dei clienti e loro coinvolgimento
  • Concetti di servizio commercialmente validi
  • Soluzioni tecnicamente fattibili
  • Valore aggiunto dei dati o della tecnologia spaziale
  • Team motivati ​​con competenze commerciali, tecniche e finanziarie

Possono partecipare Università – Istituti di ricerca micro, piccole, medie e grandi imprese con sede in uno dei seguenti paesi: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, Irlanda, Italia, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Slovenia, Svezia, Svizzera e Regno Unito.

Possono essere coinvolte entità extraeuropee, ma il loro contributo all’attività non può essere finanziato dall’ESA.

Per maggiori informazioni: info@iniziativa.cc

Fonte immagine: Rawpixel