09 Ago

CONTRATTI DI SVILUPPO FILIERE PRODUTTIVE

CONTRATTI DI SVILUPPO FILIERE PRODUTTIVE

Con una dotazione di 391,8 milioni di euro, sarà aperto a partire dalle ore 12.00 del giorno 28 luglio 2023 e fino alle ore 12.00 del giorno 13 ottobre 2023 un nuovo sportello per la presentazione di domande a valere sullo strumento agevolativo dei Contratti di sviluppo, dedicato a specifiche filiere produttive.

Possono beneficiare delle agevolazioni le imprese di qualsiasi dimensione che presentino programmi industriali comprendenti progetti di investimento produttivo e, eventualmente, progetti di ricerca e sviluppo.

I programmi di sviluppo possono essere realizzati:

  • da più imprese operanti nella filiera di riferimento, a condizione che i singoli progetti di investimento risultino strettamente connessi e funzionali alla nascita, allo sviluppo o al rafforzamento della filiera medesima;
  • da una sola impresa, a condizione che il programma di sviluppo presenti forti elementi di integrazione con la filiera di appartenenza e sia in grado di produrre positivi effetti, in termini di sviluppo e rafforzamento, anche sugli altri attori della filiera medesima non partecipanti al programma di sviluppo.

Le domande di Contratto di sviluppo devono avere ad oggetto la realizzazione di programmi di sviluppo concernenti le seguenti filiere produttive strategiche per lo sviluppo del sistema Paese:

  • aerospazio e aeronautica;
  • design, moda e arredo;
  • metallo ed elettromeccanica;
  • chimico e farmaceutico;
  • gomma e plastica;
  • alimentare (esclusa trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli).

Ai fini dell’ammissibilità i programmi devono prevedere:

  • spese e costi ammissibili non inferiori a 20 milioni di euro;
  • avere una durata non superiore a 36 mesi (estendibile di 18 mesi sulla base di motivata richiesta da parte del proponente);
  • essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazioni;
  • essere realizzati nelle aree del territorio nazionale del Centro-Nord, diverse da quelle classificate quali “zone a” nell’ambito della Carta degli aiuti di Stato a finalità regionale vigente (Basilicata, Campania, Calabria, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna).

Le agevolazioni, concesse ai sensi della sezione 3.13 del Temporary Framework Covid-19 in vigore fino al 31/12/2023, saranno erogate esclusivamente in forma di contributo in conto impianti (per gli investimenti produttivi) e di contributo diretto alla spesa (per i progetti di ricerca e sviluppo).

È prevista la formazione di una graduatoria per la determinazione dell’ordine di avvio all’istruttoria, basata su specifici criteri di valutazione dei programmi:

  • positivo impatto sull’occupazione, specialmente di personale qualificato;
  • innovatività, determinata dall’acquisto di beni strumentali “Industria 4.0”;
  • coinvolgimento delle piccole e medie imprese (PMI).

Inoltre, potranno beneficiare di criteri premiali ai fini della graduatoria, le imprese proponenti insignite del rating di legalità o in possesso di certificazioni ambientali.

Per maggiori informazioni clicca qui -> Scheda Contratti di sviluppo filiere produttive

Per maggiori informazioni manda una mail a finanza@iniziativa.cc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *